arrow-nextarrow-prevarrow-rightgridlocklogo-derigo-40logo-derigo-condlogo-derigo-we-share-the-visionlogo-derigoplayplusrouteslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-googleplussocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubeuser
BARBARA DE RIGO SPEAKER D’ECCELLENZA AL SEMINARIO PROMOSSO DA  BSMI - BOCCONI

BARBARA DE RIGO SPEAKER D’ECCELLENZA AL SEMINARIO PROMOSSO DA BSMI - BOCCONI

Milano, 18 aprile 2019 - Un incontro davvero speciale quello tenutosi lunedì presso l’Università Bocconi di Milano che ha visto protagonista Barbara De Rigo, Direttore Marketing House Brand e Corporate Communication di De Rigo Vision leader nel settore dell’occhialeria mondiale in un dibattito sui diversi modelli di business del settore assieme a Fabio Attanasio, noto influencer e fondatore del marchio di occhiali The Bespoke Dudes Eyewear - TBD Eyewear.

Il seminario, organizzato dall’Associazione BSMI (Bocconi Studenti del Made In Italy) di cui è Presidente e Co-Fondatore il bellunese Stefano Bortot, si inserisce nell’ambito del ciclo di incontri dedicati alle tante anime del Made In Italy ed è stato moderato dal Professor Maurizio Dallocchio ordinario del dipartimento di Finanza dell’Università Bocconi e titolare del corso “Mergers and Acquisitions”.

Un faccia a faccia frizzante e ricco di stimoli per una platea di studenti molto partecipe e interessata alla quale Barbara De Rigo ha raccontato la case history di De Rigo Vision, eccellenza e storia del Made Italy, che da piccola realtà artigianale del Cadore ha saputo imporsi nello scenario globale fino a diventare un colosso dell’eyewear con 3500 dipendenti in tutto il mondo.

Ben radicata sul territorio, De Rigo Vision è l’unica family company del settore dell’occhialeria mondiale. Multinazionale ma con una compagine societaria 100% imprenditoriale è nota per l’importanza dei propri “house brands” Lozza, Lozza Sartoriale, Police e Sting, un’intuizione divenuta fiore all’occhiello, e per le licenze Eyewear legate alle griffe della moda tra le quali Chopard, Blumarine e Furla.

Durante il dibattito i due protagonisti hanno offerto i loro diversi punti di vista e approcci a temi chiave quali: strategia digitale, interazione con i clienti, target di riferimento e trend nel mondo dell'occhialeria.

Due realtà diverse ma convergenti, entrambe accomunate dall’unicum del Made In Italy, perfetto equilibrio tra qualità, creatività, ingegno, alta artigianalità/professionalità. Caratteristiche che come ha sottolineato il Professor Dallocchio si ritrovano tutte ben espresse nel mondo dell’Eyewear nel quale il nostro paese esprime un valore unico ed elevato e che in ambiti territoriali specifici ha un rilievo di straordinaria portata, misurabile anche in termini di PIL e reddito pro capite.

Una specificità unica che vale un riconoscimento al nostro comparto Eyewear a livello internazionale, indipendentemente dalla dimensione e dalla notorietà dei diversi produttori, come ben ha testimoniato il confronto tra Barbara De Rigo e Fabio Attanasio.

Un incontro dove i due oratori hanno dimostrato come pur rappresentando realtà diverse e godendo di punti osservazione differenti, la matrice di appartenenza sia la stessa e come l’innovazione di prodotto nasca e sviluppi nella tradizione.

Un’esperienza certamente da ripetere secondo Barbara De Rigo, Direttore Marketing House Brand e Corporate Communication, che così commenta: “Parlare ai giovani del valore del nostro settore, della nostra Azienda e di quanto siamo riusciti a fare in 40 anni di attività mi emoziona sempre e mi rende molto orgogliosa. Il confronto poi con realtà aziendali giovani e fresche in un contesto così qualificato come l’Università Bocconi rappresenta per me e per l’azienda una preziosa occasione di arricchimento per la quale ringrazio BSM e il Professor Dallocchio.”

My.derigo My.derigo

Area Riservata